Scritto il: venerdì, 27 agosto 2010 - 22:22:50

La sindrome da antifosfolipidi

Sindrome da Antifosfolipidi

 

 

Sindrome da antifosfolipidi  (detta anche Sindrome da anticorpi antifosfolipidi o Sindrome di Huges)

E’ una delle cause di aborto ricorrente anche se non sempre le gravidanze di chi ha questa sindrome esitano in aborto.

La sindrome da antifosfolipidi è l’associazione tra anticorpi antifosfolipidi, trombi di sangue nelle vene e nelle arterie e problemi gravidici, che possono includere la perdita del bambino, è detta sindromi antifosfolipidi primaria. Se qualcuno con questa sindrome ha anche delle malattie autoimmuni (come il Lupus eritematoso) si dice che ha una sindrome antifosfolipidi secondaria.

Diagnosticare la sindrome antifosfolipidi può essere difficoltoso. Ci sono due tipi di test che devono essere svolti su due differenti tipi di anticorpi. I livelli di anticorpi inoltre possono variare nel tempo e due test fatti a distanza dare due risultati differenti e addirittura possono scomparire dopo del tempo, come risultato di una infezione o di alci tipi di medicinali, perciò è raccomandabile ripetere il test due volte dopo circa sei settimane di distanza.

La diagnosi di Sindrome da antifosfolipidi viene diagnosticata sicuramente dopo due test a distanza di sei settimane e la presenza di almeno uno o entrambi dei seguenti problemi:

-una precedente trombosi

-problemi gravidici come: la perdita di una gravidanza, scarsa crescita endouterina (IUGR) o preeclampsia.

Questo significa che una donna non deve per forza avere tutti i sintomi, per esempio può avere delle frequenti interruzioni di gravidanza ma non avere mai avuto trombosi e vice versa.

Gli anticorpi antifosfolipidi possono dare problemi diversi in stadi diversi della gravidanza. Nelle prime 13 settimane possono far si che la gravidanza non si impianti perfettamente aumentando la possibilità di un aborto spontaneo precoce, mentre nel secondo e terzo trimestre di gravidanza sembra che i trombi nella placenta portino a scarso apporto di sangue e ossigeno al bambino dando una scarsa crescita, preeclampsia e, più raramente, la morte del bambino.

La cura della sindrome può variare molto, dipendendo dalla sintomatologia presente e/o dal numero di gravidanze interrottesi. La cosa migliore è rivolgersi a un centro antitrombosi.

La sindrome da antifosfolipidi può causare questi problemi in gravidanza:

-Perdite ricorrenti del bambino nel primo trimestre (0/13 settimane)

-Perdite del bambino dalla 14 settimana fino alla possibilità di morte perinatale(e purtroppo le perdite in questo periodo di tempo è probabile che si ripetano anche in gravidanze future se la sindrome non viene riconosciuta e curata)

-Preeclampsia

-Distacco di placenta

- Scarsa crescita endouterina (IUGR)

 Se viene diagnosticata la sindrome da antifosfolipidi c’è la possibilità di avere delle cure per la prossima gravidanza e, possibilmente, prima di questa. Le cure offerte varieranno a seconda delle decisioni mediche e c’è un’ottima possibilità che le cure facciano portare a termine la gravidanza.

Nonostante questo puoi avere paura che succeda qualcosa e non lasciarsi andare alla speranza che tutto andrà bene può essere un modo per proteggersi all’idea di affrontare una nuova perdita. Ci sarà quindi un mix di ansia e speranza più che giustificato. Seguire delle visite regolari in gravidanza vi potrebbe aiutare a rassicurarvi che tutto sta andando per il meglio e che siete seguiti in modo accurato, anche se a volte potrete sentire questo come un carico extra da portare sulle spalle e l’attesa del risultato di ogni esame e visita potrebbe farvi sentire ansiosi.

Perciò avere qualcuno con cui confrontarsi quando ci si sente ansiosi può essere d’aiuto. Per questo c’è un’apposita sezione del forum dell’Associazione Piccoli Angeli.

Se la gravidanza, nonostante le cure, dovesse nuovamente interrompersi questo può essere dovuto a tante cause diverse, anche non connesse con la patologia che è stata riscontrata. Potreste perciò avere bisogno di prendere del tempo per pensare se e quando intraprendere di nuovo una gravidanza. Anche in questo caso potrete trovare un buon strumento di supporto nel forum (www.piccoliangeli.it).